Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

blog diary 1 – la Sardegna dello slow trekking

Mentre scrivo sono le 00:42. In strada sulla SS131 poi la Statale 125, la Orientale Sarda.
Sono arrivato in Sardegna stamattina e non mi sono ancora fermato, dal primo incontro, profumo di fuoco e selvatico. Pranzo in aeroporto con i ragazzi dell’Aeroporto di Olbia in attesa dei report sui loro progetti ecosostenibili, chiacchiere sul futuro green, il problema dello smaltimento delle batterie delle auto, quindi  è subito partenza.
IMG_20210721_1811014039b4b3-9ac5-4215-a0f2-fb9b3e57d3c2
In furgone rosso sulle rotte della Rete EcoTurismo Sardegna verso i massicci rocciosi della Baronia, regione feudo degli spagnoli, luoghi di roccia e cespugli, orti spontanei, ed è qui che scopro il Sa Pompia l’agrume slow food che somiglia a un cedro, dal sapore dolce e amaro, retaggio di una tradizione decennale, i formaggi di Casu ‘ babbu, infine con i ragazzi di Sardinia Slow Experience saliamo sui monti intorno Siniscola: canyon, silenzio della valle, a mangiare formaggio e marmellate, pane spezzato per un rito di condivisione a pere, pomodori e vino fatto in casa.

IMG_20210721_183928IMG_20210721_174247
Tutto è possibile e a misura d’uomo qui, le cene sotto la luna quasi piena e in fondo all’orizzonte la Corsica, il mare, il resto di ciò che vogliamo diventare.

e526467a-9594-42b0-8c6a-b59a6c32318c
(c) retecoturismosardegna.com

Misura di un’umanità vicina alla natura, rigogliosa, come l’iperico spontaneo. Crepitio di stelle sotto la volta notturna, camminare con le torce in discesa sui sentieri dei monti, le stelle e il sogno di una vita libera, gracchiare di corvi, una pecora bela nella valle, alberi abbarbicati ai costoni, scale di pietra e nuvole d’azzurro. Si respira un’aria di molecole e sorgenti qui. Si beve acqua di fonte a mezzanotte. Domani. Il secondo giorno di reportage. Musica nell’aria, la vida que viendra.

IMG_20210721_201758