Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bruno Bavota – The secret of the Sea

Una recensione con ascolto "live", The secret of the Sea di Bruno Bavota, Psychonavigation, uscita: 21 aprile 2014
867519228d1d5325856fc61d710ded0e_L

Il segreto del mare. Inizia proprio così, con una canzone che si chiama "Me and you", il nuovo album di Bruno Bavota, pianista napoletano. The secret of the Sea la release è prevista per il 21 aprile per l'etichetta Psychonavigation.
"Me and you" dunque, io e te, in cui però l'io pare rappresentare più le note del musicista, e il tu riferirsi invece all'acqua che, evidentemente, Bavota sembra portarsi appresso, quel mare di Napoli, fondo e violato, ed è tutto qui nelle note che, onda dopo onda, prendano la giusta distanza tra l'ascolto e l'intenzione.
Non è nuovo, certo, diranno alcuni, il "modern classical" di Bavota (cfr. Ludovico Einaudi, intervistato da noi qualche tempo fa, qui), gli echi del piano di Les nuites blanches cadono come pioggia, e rincorrono i ricordi del cuore (che parola traboccata nei testi d'ogni dove, eppure perché ignorarla? ndr). Le accelerazioni del pianista ci accompagnano, i martelletti di ogni suono echi di un mare che è sotto di noi, nel quale ci immergiamo ogni giorno, respiro di qualche attimo appena per riemergere ai giorni. Forse più forti, forse appena sufficiente per inspirare la salsedine e la schiuma dei giorni (come avrebbe detto il buon Boris Vian).
Nell'ascolto random di The secret of the Sea, c'è il tempo necessario e sufficiente per i mondi del bambino che siamo stati, e la ricerca di una balena bianca che non è perdizione però nè stanchezza, quanto corsa e sogno, nella track "The boy and the whale". La bellezza immortale di Melville – abbandonato da tutti dopo aver scritto di Moby Dick, fiaba troppo complessa, morto doganiere, nella solitudine che sempre spetta ai visionari. Visioni, dunque. Questo ci regala il disco di Bavota, e nell'incontro con il pizzicato acustico della chitarra, vi sono anche gli echi – pare, a chi scrive – di Into the Wild, la stessa perduta gioventù, lo stesso perdersi lontano. Il mare, appunto. La stessa concentrata attesa a fissare il vuoto, prima che l'altro vuoto, quello delle distrazioni di un mondo tecnologico buono solo per essere da un'altra parte, ci trasporti – paradossalmente – invece al centro di noi, e di ciò che siamo. Essere ciò che si è, questo sembra volerci dire il Bavota che parla con le sue note in "If only my heart"…
E poi "Hidden lights through smoky clouds", le luci e le nuvole soffuse, tutti gli istanti rallentati di una vita. Ci sarebbe più bisogno di talenti musical come Bavota, che alle 2 del mattino suonano un "organetto" nelle metropolitane solitarie di Londra, per pubblico un orso polare e una ragazza in iPad rosa (vedere video sotto).
 
Ne servirebbero di più di musicisti legati alla gavetta e meno allo scintillio della televisione. Più alla costante, creduta, carriera che passa dal mestiere e meno alla semplice possibilità dell'immediata ribalta dello show business.
Che poi, nel fare musica così, mica c'è da vergognarsi. A fare musica mentre il Mercato discografico è quello che è, e quello dei Media pure, è atto tutto sommato serio e di professione. Tutt'altro che idealista. Molto più "di mestiere" del far costruire agli altri. Non glielo abbiamo chiesto a Bavota se, come nella traccia Constellations, nelle costellazioni del suo suonare esista spazio per un fare musica studiando, e poi ricominciando daccapo ogni volta, guardandosi intorno davvero. Facendo esperienza. Andando a Londra, magari a suonare alla Royal Albert Hall. Vedendo il suo percorso di andata e ritorno parrebbe di sì, insomma…
Dopo i primi due album, La casa sulla Luna e Il pozzo d'amor, Bavota schiude un album intenso, di cui "Plasson" pare essere uno degli apici. Dismessi i suoni a tratti ingenui dei primi, in The secret of the Sea, il musicista picchia duro sui tasti, sicuro come Faulkner che riusciva a scrivere di fatica dopo averne portata a braccia, al lavoro che rende le proprie mani. Perché solo questo è, forse. Ed è vivo, il ritmo di Bavota che scaturisce, le dita veloci o lente, incrociate; suono percosso come una miriade di scintille a fior d'acqua.
Una prova d'autore che prende la rincorsa, come nell'omonima traccia dell'album. C'è solo da augurarsi, per lui ma per noi, tutti, per ciò che c'è lì fuori e quello che possiamo essere, che questo sia solo l'inizio – arrivato già al terzo passo, ma il ragazzo è giovane e si farà – del percorso. Di uno slancio che lo porti. Lontano. L'artista e l'uomo. O almeno dove vuole lui. 
Rimarrebbe solo da andarlo ad ascoltare live. Il sito, www.brunobavota.it